Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN

RSU

Quotidiani online
Link Utili

Ricerca nel sito con Google

Loading

Nota dell'Ufficio Studi '' Circolare INPS n. 94 del 31 maggio 2017-Circolare INPS 169 del 15 novembre 2017 . Chiarimenti interpretativi"

A cura del Dott. Damiano Curcio - consulente nazionale in materia di Lavoro e Previdenza - Ufficio Studi

OGGETTO: Circolare INPS n. 94 del 31 maggio 2017-Circolare INPS n.169 del 15 novembre 2017 - Chiarimenti interpretativi.

Con la circolare n. 94/2017, l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale aveva rappresentato a tutte le Pubbliche Amministrazioni che, in ossequio a quanto previsto dall’art. 3, commi 9 e 10 della legge  8 agosto 1995, n.335, la prescrizione della contribuzione previdenziale ed assistenziale obbligatoria passa dai 10 ai 5 anni anche per tutti i dipendenti pubblici.

Lo stesso istituto ha precisato, con la predetta circolare, quali erano le modalità  con le quali ogni dipendente pubblico poteva accertare ed eventualmente chiedere un aggiornamento della propria situazione contributiva entro il termine perentorio del 31 dicembre 2017.

La situazione è apparsa paradossale poiché sembra improbabile che al dipendente pubblico non siano stati versati i contributi da parte dello Stato ma facendo attenzione a quello che è avvenuto in passato, è facile immaginare che l’I.N.P.S., nel fare una verifica dei suoi dati, una volta incorporata l’ex I.N.P.D.A.P., si sia resa conto che all’interno del proprio sistema anagrafico, non siano stati mai aggiornati i file delle singole posizioni. Mi spiego meglio; coloro che dovevano aggiornare le variazioni personali, in presenza di svariati dati, hanno pensato bene di inserirne solo alcuni. Pensate al personale della scuola che prima di passare di ruolo ha avuto decine e decine di sedi diverse in cui ha lavorato e che queste posizioni non siano mai state aggiornate dall’ente di previdenza.

Ad oggi ci si trova con centinaia di migliaia di posizioni da correggere. Cosa fare? L’I.N.P.S. ha avuto un’idea geniale e cioè di chiedere al singolo dipendente di controllare la propria posizione contributiva e di segnalare allo stesso istituto, l’eventuale anomalia riscontrata. Risultato? Meno lavoro per l’istituto che non dovrà controllare le posizioni di tutti i dipendenti statali in servizio ad oggi e la certezza di lavorare solo su quelle che l’ente di previdenza competente non ha aggiornato nel tempo.

Il Csa-Università della FGU ed altre sigle sindacali hanno protestato con veemenza contro l’Istituto il quale, dopo un incontro con le OO.SS., ha emesso la successiva circolare 169/2017 con la quale proroga i termini per il controllo dati entro il 01 gennaio 2019.

In seguito a quanto specificato si consiglia ai propri iscritti di osservare le seguenti operazioni:

PER COLORO CHE HANNO GIA’ UN PIN DISPOSITIVO INPS

1. Scaricare dal sito INPS alla voce MY INPS il proprio estratto contributivo e controllare se vi sono periodi non coincidenti con la propria carriera lavorativa. In caso si riscontrino periodi non coincidenti allora tramite il portale dell’I.N.P.S. e con le proprie credenziali, entrare nella  RVPA -richiesta variazione posizione assicurativa dipendenti pubblici e chiedere la variazione del periodo;

PER COLORO CHE NON HANNO UN PIN DISPOSITIVO

2. Entrare nel sito dell’I.N.P.S. e chiedere l’attribuzione di un PIN , una volta avuto il PIN trasformarlo in PIN DISPOSITIVO (entrando sempre nello stesso sito). Una volta ottenuto il PIN DISPOSITIVO effettuare tutte le operazioni di cui al punto 1 di coloro che hanno già il PIN

PER TUTTI

3. Rivolgersi ad un patronato convenzionato per effettuare il controllo e chiedere la modifica. In questo caso è opportuno che si consegni documentazione probatoria dei periodi da ricontrollare.

Roma 17.11.2017

Dott. Damiano Curcio

 

Tabelle Assegni Familiari
2017-2018


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Visualizza come Desktop | Visualizza come Mobile

Powered by